News

Farmacia e Credito d'imposta 2021: fino al 95% per beni 4.0

Tra i nuovi servizi introdotti per i pazienti e i cambiamenti di mercato dovuti alla pandemia, gli amici farmacisti il 2021 se lo ricorderanno sicuramente per un po’.

Alcuni, però, lo ricorderanno anche per l’occasione di innovare la propria farmacia usufruendo di benefici molto vantaggiosi. Quest’anno, infatti, gli acquisti di beni strumentali (tra cui il robot SINTESI di Pharmathek) possono arrivare a generare un credito d’imposta fino al 95% dell’investimento.

Vediamo nel dettaglio come funziona.

 

Piano Nazionale Transizione 4.0

La legge di bilancio 2021, pubblicata il 30 dicembre 2020, ha potenziato le agevolazioni previste per le farmacie intenzionate a intraprendere un percorso innovativo.

Gli incentivi più interessanti riguardano l’acquisto di beni strumentali 4.0, per i quali, solo per il 2021, le aliquote del credito d’imposta sono salite al 50% (torneranno al 40% nel 2022) per investimenti fino a 2,5 milioni di euro.

Il credito sarà utilizzabile in 3 annualità, a partire da quello in cui il bene entra in funzione.

Continua a leggere per vedere i termini di pagamento che ti permettono di usare i benefici maggiori anche entro giugno 2022.

CIM: Credito d’Imposta per il Mezzogiorno

La legge di bilancio 2021 ha anche prorogato le agevolazioni per gli investimenti nel Mezzogiorno.

Le farmacie del Mezzogiorno possono usufruire di un credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi (macchinari, impianti e attrezzature) secondo le seguenti disposizioni:

  • al 45% nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.
  • al 30% nelle Regioni Abruzzo e Molise.

 

Le agevolazioni Transizione 4.0 e CIM sono cumulabili?

La risposta alla domanda che sorge spontanea è: . Al credito d’imposta del 50% previsto dal piano Transizione 4.0 può essere sommato quello previsto dal Credito d’Imposta per il Mezzogiorno: arrivando in alcuni casi fino al 95%!

 

Si tratta di un’occasione davvero speciale per i farmacisti interessati a efficientare il proprio ambiente lavorativo grazie all’automazione: riducendo lo stress generato dalle operazioni di gestione del magazzino (caricamento prodotti a scaffale, controllo scadenze, spunta DDT, …) e aumentando il fatturato.

 

Perché un robot? Scarica la guida completa all’automazione in farmacia e scopri tutti i vantaggi che ti può portare.

 

Quali sono le tempistiche?

Per poter usufruire di queste agevolazioni fiscali, le farmacie devono:

  • effettuare l’ordine entro il 31 Dicembre 2021;
  • versare un acconto di almeno il 20% entro il 31 Dicembre 2021;
  • installare il robot entro il 30 Giugno 2022.

Hai ancora un paio di mesi per completare i primi due punti e beneficiare dell’aliquota 4.0 maggiore.

 

Quali sono i beni strumentali 4.0?

Rientrano tra i beni strumentali 4.0 tutti quei macchinari/attrezzature considerati funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale di una farmacia.

Il robot per farmacia SINTESI appartiene a questa categoria e il team di consulenti Pharmathek saprà risponderti a eventuali dubbi o domande sulla procedura per la richiesta del credito: da inizio anno abbiamo aiutato molte farmacie a completare le procedure necessarie.

 

Conclusione

In questo periodo di grandi cambiamenti è importante non restare immobili: bisogna cercare di seguire il cambiamento o, ancor meglio, stare un passo avanti per continuare a dare un servizio adeguato ai propri pazienti.

Cogliere l’opportunità di innovarsi è una scelta coraggiosa che denota consapevolezza della direzione verso cui si stanno spostando le farmacie.

Il team Pharmathek è pronto a supportarti nel tuo percorso di innovazione e nella richiesta delle agevolazioni fiscali: contattaci e parliamo del tuo progetto.

Iniziamo un percorso insieme a Napoli, dal 26 al 28 Novembre, in occasione di Pharmexpo 2021.